Nutella-fondente-e1602114426407

Una variante della Nutella fondente in Italia: la cocoa Ferrero crea confusione

Una semplice condivisione Facebook, a quanto pare, sta creando molta confusione a proposito del presunto arrivo della Nutella fondente anche qui in Italia. Un progetto, quello di Ferrero, che in realtà non esiste per il nostro Paese, con un malinteso che sostanzialmente coinvolge anche il prodotto stesso. Per farvela breve, l’ennesima bufala di questo 2020, che sui social accompagna quelle di personaggi famosi passati a miglior vita, come osservato con alcuni nostri articoli dei mesi scorsi.

Nutella fondente

Come nasce la bufala sulla Nutella fondente di Ferrero

Come è possibile che ancora oggi riescano a prendere piede sui social fake news come quello dell’arrivo della Nutella fondente in Italia? Una chiave di lettura ci arriva in queste ore dal noto portale di debunking, vale a dire Bufale.net, secondo cui quello della foto è sì un prodotto reale disponibile sul commercio, ma al contempo non previsto in Italia. Ad esempio, è molto utilizzato nel Regno Unito, fino a questo momento Ferrero non ha mai accennato la possibilità che la versione cocoa sia destinata qui da noi.

Dunque, quello della foto non è un fotomontaggio, trattandosi di un prodotto esistente e che tra le altre cose risulta disponibile anche online, come si può notare facilmente all’interno di una pagina specifica di Tesco. Tuttavia, basta dare uno sguardo più approfondito alla descrizione del prodotto per rendersi conto che non ci siano i presupposti per parlare di Nutella fondente. A prescindere dal fatto che si tratti effettivamente di un progetto Ferrero.

In sostanza, zero Nutella fondente, ma solo una versione differente da quella classica, con un dosaggio maggiore di cacao. O, se volete, cocao. Resta il fatto che la Nutella “non a latte” ad oggi non sia in alcun modo prevista da Ferrero qui in Italia. Occorre capirlo una volta per tutte.

L’articolo Una variante della Nutella fondente in Italia: la cocoa Ferrero crea confusione sembra essere il primo su Geekissimo.

Comments are closed.